I miei amici denti

1 aprile 2017 Intestino Parlante

Grazie ai denti inizia il mio lavoro e la loro salute è la nostra. Chi ha paura del dentista troverà una sorpresa: l’anestesia senza ago!

L’importanza dei denti nel mio lavoro

I denti hanno varie funzioni nei mammiferi, dalla “presa” del cibo, alla difesa. Negli umani hanno anche valore fonetico ed estetico. Ciò che più mi interessa, da buon Intestino Parlante, resta la loro importanza nel mio lunghissimo, elaborato e minuzioso lavoro: la digestione!

La digestione inizia quando addentate qualcosa, lo sapete tutti: i denti stappano, masticano e sminuzzano il cibo, le pareti della bocca aiutano nell’operazione e poi la mia amica lingua fa il resto. Tramite la saliva da essa prodotta, che contiene l’amilasi, inizia una complicata scissione e trasformazione. Ciò che mangiate viene poi ingoiato ed inizia il percorso che lo porterà ad essere diviso nelle componenti nutrizionali da me tanto desiderate.

Nel lungo processo che va dalla bocca a… la fine, ognuno deve svolgere il proprio ruolo impegnandosi al massimo. In questo modo i compiti che io debbo andare poi a svolgere sono agevolati e posso più facilmente darvi tutte le sostanze nutritive a noi tutti necessarie.

Se il cibo viene correttamente masticato, io faccio meno fatica e tutto fila liscio. Per questo si raccomanda sempre di masticare molte volte il cibo e c’è chi sostiene che sia consigliabile masticare 20 volte a “boccone”. Voi lo fate? La mia masticatrice a volte si ma, spesso, i pasti devono essere troppo veloci.

Se a ciò aggiungiamo eventuali problemi ai denti, che non permettano una corretta masticazione del cibo che poi mi arriva, capite che per me diventa difficile. Rischio di causarvi anche problemi di cattiva digestione.

Cura dei denti

Ora avete capito perché ho tanto a cuore (o a colon) la salute dei miei amici denti: sono dei colleghi importantissimi e la loro salute è fondamentale per il benessere di tutti noi! “Siamo ciò che mangiamo” ed aggiungerei che “siamo come mastichiamo”.

C’è però un dente “nuovo” e che occupa troppo spazio: il dente del giudizio. Sarà perché è l’ultimo arrivato ma ha causato alla masticatrice qualche problema di troppo. Per fortuna è uno solo. Dato che però, ripeto, è gigante, bisogna toglierlo. Quindi è sopraggiunta la paura: del dolore, dell’anestesia, dell’ago, di eventuali complicazioni.

Ci siamo allora informati su nuove tecniche che provochino meno dolore e su studi medici affidabili e professionali. Abbiamo scoperto alcune cose che ci hanno reso più tranquilli.

Anestesia senza ago

Quando si parla di denti, avete paura dell’ago e di provare tanto dolore, vero?! Noi intestini ci accorgiamo subito quando avete appuntamento dal dentista: il cuore batte più veloce, le mani sudano, volete scappare. Non tutti hanno queste sensazioni ma la grande maggioranza si. Dato che, però, la cura dei denti è una delle cose principali, bisogna trovare specialisti e tecniche che non causino questi stati d’animo.

Una delle soluzioni recentemente scoperte dalla masticatrice si chiama COMFORT-IN.

Si tratta di un apparecchio, studiato per le infusioni, che rilascia il liquido anestetico senza bucare la pelle e senza causare dolore. Inoltre, non bucando la pelle, c’è un rischio inferiore di infezioni. Particolarmente indicato, quindi, per bambini…e paurosi!

Potranno essere avvertiti solamente un piccolo pizzico ed una leggera pressione.

Voi sarete più tranquilli, anche io, e potremo continuare a fare bene il nostro lavoro di squadra.

Uno studio che adotta la tecnica COMFORT-IN è lo Studio Dentistico Albertellidel Dottore Odontoiatra Guido Albertelli. La mission dello Studio, da anni, è quella di ridurre notevolmente le preoccupazioni, il dolore ed i fastidi ai pazienti, tramite trattamenti e terapie il più confortevoli possibile.

Si trova a Roma, in Via dei Monti di Creta numero 83, zona Boccea, nei pressi della stazione Cornelia della Linea A della metropolitana.

Per maggiori informazioni contattate lo Studio:

SITO

Seguite lo Studio Dentistico Albertelli su Facebook:

 

Buzzoole

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *